Nuovo licenziamento della Tekneko

Stamattina si è tenuto un secondo presidio di solidarietà, contro il nuovo licenziamento operato dalla Tekneko, promosso da Gasp di fronte ai cancelli dell’azienda.

Ancora una volta i cittadini si sono dimostrati migliori di chi gestisce, con soldi pubblici, la cosa pubblica.

Silenzio dell’amministrazione comunale sul nuovo licenziamento

Troviamo inaccettabile e colpevole il prolungato silenzio dell’amministrazione di fronte ad una condotta del genere tenuta da un’azienda che gestisce un servizio pubblico pagato dai cittadini.

Il Sindaco ha il dovere di esprimere una posizione chiara e decisa a tutela di chi ha perso il posto di lavoro.

Perché quelli che nella più assoluta indifferenza dell’amministrazione vengono indegnamente definiti dei privilegiati, per noi e per la Costituzione Italiana sono dei Lavoratori.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.